14 risposte

  1. Davide Boni
    2 marzo 2012

    Condivido a pieno l’articolo, ma oltre ai costi sopraelencati ci sarebbe da guardare la struttura del fabbricato com’è messa, se c’è da dover fare delle opere a sostegno del opere murarie per sostenere il peso del nuovo tetto e dei pannelli.
    Inoltre nella nostra “bassa” sopratutto su edifici molto vecchi capita magari di avere dei limiti imposti da piani comunali/provinciali che limitano le opere che si vogliono attuare in quanto possono essere presenti in area di rilevanza storica e/o il fabbricato stesso può essere un edificio storico.

  2. Mattia Notari
    2 marzo 2012

    Giusta osservazione, mediamente credo il mio articolo sia valido però ci sono molte sfaccettature in questo argomento e credo sia giusto portarle in evidenza come hai fatto te.
    Grazie

  3. Eclettica
    3 marzo 2012

    Sono interessato a questo argomeno ma non trovo in giro un aggiornamento sullo stato dell’arte risalente all’anno in corso: il 2012.

    Se io possiedo un tetto di una stalla abbandonata da 10 anni ma in buono stato, perfettamente nord-est a Reggio Emilia di 1000 m2 con 2 piani uguali e inclinati di 10 gradi ciascuno, con presenza totale di eternit su tetto in cemento, quanto potrei chiedere di affitto all’anno secondo voi? Consiferando che con tutta probabilità il tetto sarà avviato con gli incentivi del secondo semestre 2012.

    – superficie: 1000 m2
    – locazione o diritto di superficie (indifferente)
    – durata contratto: 20 anni
    – oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria: nessuno per me, ma a carico di chi utilizza il tetto.

    Infine, si sente parla di quinto conto energia. Cosa si sa di preciso? Cambieranno gli incentivi del secondo semestre 2012?

    Grazie mille

  4. Mattia Notari
    4 marzo 2012

    Molto dipenderà dallo stato dell’edificio. Si stima che in questa zona il prezzo di affitto oscilli tra i 20 minimo e i 30 massimo euro per kWpicco annui.

  5. Mattia Notari
    5 aprile 2012

    IL QUINTO CONTO ENERGIA MOLTO PROBABILMENTE CI SARA’ MA NON SI SA QUANDO, PURTROPPO IL GOVERNO IN QUESTI GIORNI STA FACENDO UN CLAMOROSO “DIETRO FRONT” SULLE RINNOVABILI IN GENERALE.

  6. vito
    11 aprile 2012

    spiega il nuovo decreto di oggi sugli incentivi del fotovoltaico.

    grz

  7. Mattia Notari
    11 aprile 2012

    Ciao Vito, la notizia è arrivata 4 ore fa, ecco un riassunto attendibile preso dal sito La Repubblica, ma di preciso non è ancora trapelato nulla:

    Il quinto conto energia. Per quanto riguarda il Quinto conto energia, questo entrerà in vigore dal 1 luglio 2012 salvo il raggiungimento in data successiva del tetto di 6 miliardi di spesa. La spesa annuale per il fotovoltaico salirà di 500 milioni, arrivando a 6,5 miliardi. Gli impianti fotovoltaici di potenza superiore ai 12 Kw potranno accedere agli incentivi previa iscrizione agli appositi registri del Gse nei limiti di quantitativi predeterminati di potenza annua, con un criterio di priorità a favore delle installazioni sugli edifici. Gli impianti di potenza inferiore ai 12 Kw saranno liberi di accedere agli incentivi dopo l’entrata in esercizio.

    Taglio agli incentivi. Gli incentivi al fotovoltaico dall’anno prossimo aumenteranno di soli 3 miliardi di euro rispetto ai 6 previsti dalla normativa attuale. Quindi ci sarà un contenimento di spesa pari a circa 3 miliardi. Gli incentivi continueranno dunque ad aumentare nei prossimi anni, ma in misura inferiore rispetto a quanto stabilito dal precedente regime. Saranno garantiti tutti gli incentivi finora promessi e pari a 9 miliardi l’anno al 2020, incrementando con ulteriori 3 miliardi l’anno gli aiuti pubblici. Si passerà quindi da 9 a 12 miliardi rispetto ai 15 miliardi previsti dalla precedente normativa. In questo modo l’incremento al 2020 non sarà quindi di 6 miliardi ma di 3, con un risparmio annuale di altrettanti miliardi.

    http://www.repubblica.it/ambiente/2012/04/11/news/nuovi_incentivi_rinnovabili-33131988/

    Credo che la chiave di volta sia in questa frase: “Il sistema, come già previsto dalla precedente normativa, entrerà in vigore al superamento della soglia di 6 miliardi di incentivi per il fotovoltaico (previsto tra luglio e ottobre prossimi) e il 1 gennaio 2013 per il non fotovoltaico.”

    “(AGI) – Roma, 11 apr. – Il Quinto Conto Energia (che riguarda solo il settore fotovoltaico) entrera’ in vigore dal 1 luglio 2012 salvo il raggiungimento in data successiva del tetto di 6 miliardi di spesa. La spesa annuale per il fotovoltaico salira’ di 500 milioni, arrivando a 6,5 miliardi. Gli impianti fotovoltaici di potenza superiore ai 12 Kw potranno accedere agli incentivi previa iscrizione agli appositi registri del Gse nei limiti di quantitativi predeterminati di potenza annua, con un criterio di priorita’ a favore delle installazioni sugli edifici. Gli impianti di potenza inferiore ai 12 Kw saranno liberi di accedere agli incentivi dopo l’entrata in esercizio. (AGI) Rme/Ila “

  8. Eni bonifica
    12 luglio 2012

    voglio sapere tutti i prezzi di smaltimento amianto rimocione amianto coperture in lastre coimbentete rimozzione guaina posa di latonetria

    • Mattia Notari
      13 luglio 2012

      Mi dispiace ma non sono attualmente aggiornato sui prezzi di rimozione amianto e coperture varie.
      Saluti.

  9. giuseppe
    24 settembre 2012

    http://www.rdcostruzioni.com

    rifacimento tetto da euro 65 al mq

    • Mattia Notari
      24 settembre 2012

      Quale zona? Cosa si intende per rifacimento?

Rispondi

 

 

 

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Torna su
cellulare pc desktop